Tempo

Sabbia che scivola tra le dita, sabbia che graffia le iridi, sabbia che scortica i piedi. Attimi vivi recenti, molto vivi, molto recenti. Dettagli incentrati fondati sull’inefficacia comunicativa. Tandem linguistici emotivi, peripatetiche discussioni annegate nel fumo.

Guardo l’orologio e non riesco a farmene una ragione. Non ci riesco. Piango miseria, ricchezza, compagnia. Piango un ombretto che non ricordo più. Start-up your soul.
Chi sono, l’ho dimenticato, ho anche dimenticato la Sua voce. Mi piacerebbe essere vecchio e sul mare, e pensare che quel Pesce è l’unica cosa giusta che mi rimane nella vita. Devo ancora trovarlo, quel pesce. Non demordo dalla sua ricerca, non demordo eppure mi spengo.

Chiudo gli occhi. La sabbia graffia, ma sorrido.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: