Guardavo quel pacchetto di sigarette, immaginavo la tua voce quando me lo consegnasti, scherzando affinché ne fumassi una. Volevi vedere come la tenevo in mano, se fossi elegante o chissà cos’altro ti passava per la testa.
Vorrei raggiungerti, ovunque tu sia, inchiodarti al muro e fare l’amore violentemente, senza parole, senza dirci nemmeno ciao; inebriarci solo del profumo l’uno dell’altro, annegando negli occhi scegliendo di non respirare. Vorrei vederti gridare con la bocca senza emettere suoni, vedere le tue guance arrossarsi e il tuo corpo contorcersi per poi stramazzare a terra, privo di ulteriore vita. Mi siederei ad un lato, fissandoti e pensando a quanti errori abbiamo fatto e continuiamo a fare, prima di lasciarmi spegnere.

Un fuoco senza ossigeno è un graffio sopra un livido.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: