Non ci sono scuse per la Bellezza. Non ha ragione d’essere, né ragione per non essere. Solo, in tutta magnificenza e con la grazia dell’inconsapevolezza, si presenta in ogni bagliore. Con l’insistenza di ciò che è noto e che ferisce. E chi più di me è mai rimasto dilaniato? Oggi mi si è spezzato il fiato, ancora una volta. Potrei stare notti intere in contemplazione del luccichio dell’acqua. O della morte che sopraggiunge con lo sfolgorio di dente troppo forti. Del colore del vino bianco che nella luce della lampada ha rubato l’impeto all’oro. Di uno scarabocchio con il carboncino che Marius, scontento, ha gettato via.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: