Lie within your heart

Respiravo sillabe, emettevo sospiri
Lanciavo monete tentennando irrequieto
Attendevo spasmodico quegli ostili vampiri…
Non d’amore ma d’odio il loro canto ascoltai
“Amanti traditori!” quando giunsero sussultai

Non riuscii subito a percepire le loro unghie
Spinte come dardi sulla mia anima pulsante
Tentai di fuggire in una foresta di foschie
Dimentico totale del mio desiderio sovrastante

Quando infine ricordai la più oscura verità
e ciòè che ciò che amavo era lì davanti a me
abbandonai la resistenza e sposai la castità
purché ciò che amai amassi, maledicendo quel cliché.

13.

La paura allontanò
Odisseo da ciò che volle
pose nettari leggiadri
sulle stolte labbra molli

Troppo dolci per scoprire ciò che invero mosse l’uomo
verso quello che – di nuovo – lo sospinse alla ricerca
Di quel senso tanto ardito, tanto amato e mai avuto.

Ora qui – io vi dico, la vita è il real perché
vivete, amate e poi morite
poiché il senso qui non c’è.

12.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: