Quando non le tratti come dovresti, le trascuri per buona parte del tuo tempo, le parole feriscono.
Accoltellano, fanno male.

Come il mio adorato Esenin, senza disturbare affogherò nel mio personalissimo oceano, scrivendo lettere non di sangue, ma di apostrofi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: