Sulle lame di questi coltelli, mi ritrovo finalmente a dettare parole non totalmente vuote, in equilibrio precario tra verità e Verità.
Sento il picchiare del violino dentro di me, un bambino che pretende attenzioni instancabilmente. Queste emozioni costantemente veicolate dalla musica. Occhi, miriadi di occhi che mi fissano continuamente e vorticano sul pianto di questo bambino urlante, un tornado di sguardi accusatori che non conosce nessuna delle storie dei Grimm.
Quando si parla di nuvole e aria è facile far umorismo, come quando si piange sopra scontati luoghi comuni.
Mi sono perso, fra sorrisi gentili e parole annaspate, mi sono perso e forse non voglio trovare la strada di “casa”. Ragnatele e pipistrelli col volto di persone, ed io fuggo cantando.
Continuo a fare il girotondo sperando che gli occhi non si abituino alla verità, quella coperta tanto decantata, il luogo comune par excellence.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: