Il momento dell’unione, quando spazio e tempo formano un convoglio di nozze nel quale i piccoli secondi corrono in fondo alla fila, urlando felici e giocando e mischiandosi tra loro.
Uno.

Gli occhi si incrociano nell’affanno affettivo, piangendo desiderio mordace. Non smettere di violentare la mia capacità di mentire. L’hai stuprata fin nel profondo, lasciandola piangente in un cantuccio, chiedendo pietà. Non ha più motivo d’essere.

Grazie.
Per questo piccolo grande dono che mi hai posto.
Per ciò che hai scelto di essere durante tutte le difficoltà che hai attraversato.
Per come sei giunta fino a me – a questo vampiro stanco persino di suggere la dolcezza altrui.
Grazie.

Lestat

Una Risposta to “”

  1. Non smetterò. Non smetteremo.
    Goccia dopo goccia, continueremo a purificarci il sangue, vicendevolmente.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: