Rieccomi, sotto gli altisonanti colpi di una martellante emicrania; fida compagna di sterminati viaggi attraverso pensieri scoloriti.
Non sento più le vibrazioni di un tempo. O del tempo.
Questi sprazzi di piccola sofferenza , candido ricordo del Dolore vero di un tempo, mi permettono di soppiantare la mia natura energica per lasciare spazio a tristi e melanconiche commiserazioni di una Vita mai nata.
Un vampiro tormentato di origine controllata, come non ne troverete mai in nessun altro luogo. A volte è così pesante rendersi conto della propria indecifrabilità.
Ah – vampiro viziato! Così abituato ad essere ascoltato senza essere compreso; non è forse questo ciò che hai sempre bramato?
Ed io vi dico, qui, davanti ad uno schermo: no. Non è quello che ho sempre voluto. Non sono i miei colori, non sono le mie melodie, queste.
Non c’è nulla di fottutamente utile in questo nonsenso. Nulla.
Sono sempre stato mosso da una latente insoddisfazione. Molti nomignoli le sono stati affibbiati, da persone che ritenevano di amarmi, ma il concetto di base è sempre quello. Insoddisfazione.

Quando mi deciderò ad averne abbastanza?

Lestat

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: