Riflessione#5

C’è un tempo per amare, un tempo per soffrire, un tempo per imparare, e lentamente crescere: soli.

Sì sì, molte volte capita; la tipica ribellione ai genitori: normalissimo. Dicono.

Iniziai a chiedermi, perchè lo fanno?
Le spiegazioni potrebbero essere molteplici: affetto, protettivismo, ansia, etc.
Ma tutto ciò non regge, semplicemente. Non regge affatto. Non è una spiegazione plausibile per una vita di clandestinità. Perchè non posso vivere ciò che adoro? Perchè devo essere sempre nascosto? Perchè guardandomi allo specchio debbo immaginarmi incappucciato? Perchè … ?
E’ da quando ho 12 anni che la storia va avanti. Sono sempre stato portato per ciò che amavo, eppure ho sempre dovuto nascondermi. Breakdance, skateboard, calcio ed ora tricking. Una vita passata a nascondere ciò che si ama, una vita non vissuta.

“Hai avuto ottimi risultati!!!!” “Sei stato bravissimo!” “Coraggio, NON ARRENDERTI!”

Ah… Quante volte ho sognato di sentirmi dire queste cose.  Eppure non sono mai arrivate. E mi ci sono dovuto abituare. Non essere apprezzato per i risultati che ho sempre avuto; essere criticato per le poche volte che ho sbagliato in ambiti a me pressochè estranei; essere totalmente abbandonato nei momenti di tristezza… Questa è stata la mia formazione. Non mi dispiace più di tanto, è stato così. Inutile piangere sul latte versato.

Inutile davvero.

Ma ogni volta che una nuova briciola di sale cade sulla ferita, il dolore è lancinante più che mai.
E quanto fa male guardare al futuro che non avrò mai, quanto dolore, quante lacrime… Perchè non ho fatto ciò che amavo.

Divertente vero?

Una Risposta to “Riflessione#5”

  1. Stralcio di dialogo da un film. È in inglese, ma è comprensibile con un minimo di infarinatura..

    Dwayne: I wish I could just sleep until I was eighteen and skip all this crap-high school and everything-just skip it.
    Frank: You know Marcel Proust?
    Dwayne: He’s the guy you teach.
    Frank: Yeah. French writer. Total loser. Never had a real job. Unrequited love affairs. Gay. Spent 20 years writing a book almost no one reads. But he’s also probably the greatest writer since Shakespeare. Anyway, he uh… he gets down to the end of his life, and he looks back and decides that all those years he suffered, Those were the best years of his life, ‘cause they made him who he was. All those years he was happy? You know, total waste. Didn’t learn a thing. So, if you sleep until you’re 18… Ah, think of the suffering you’re gonna miss. I mean high school? High school-those are your prime suffering years. You don’t get better suffering than that.
    (“Little Miss Sunshine”)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: